Acciaio by Silvia Avallone

By Silvia Avallone

Silvia Avallone e' nata a Biella nel 1984 e vive a Bologna, dove si è laureata in Filosofia. Con Acciaio, finalista al Premio Strega, ha vinto i premi Campiello Opera Prima, Flaiano, Fregene e Citta' di Penne.

Nei casermoni di through Stalingrado a Piombino avere quattordici anni e' difficile. E se tuo padre è un buono a nulla o si spezza los angeles schiena nelle acciaierie che danno pane e disperazione a mezza citta', il massimo che puoi desiderare e' trovare il tuo nome scritto su una panchina. Attravers gli occhi di due ragazzine che diventano grandi, Silvia Avallone racconta un'Italia operaia, inedita, dimenticata.

Show description

Read or Download Acciaio PDF

Similar italian books

Manuale di microbiologia predittiva: Concetti e strumenti per l’ecologia microbica quantitativa

L. a. microbiologia predittiva si occupa dello sviluppo di modelli matematici in line with l. a. crescita, l. a. sopravvivenza e l’inattivazione dei microrganismi negli alimenti. l. a. sua importanza in step with l. a. valutazione del rischio microbiologico e l’ottimizzazione dei processi dell’industria alimentare è ormai indiscussa e riconosciuta anche dalla normativa comunitaria.

Additional resources for Acciaio

Example text

Te lo dico. » Sua moglie non cambiò espressione. Con pazienza sovrumana, e sovrumana stanchezza, nel piccolo salotto di casa si apprestava ad ascoltarlo ancora, dopo vent'anni di matrimonio, e a fare finta di credergli. » Lei avvertì un pugno allo stomaco. » Arturo si alzò in piedi, mise una mano avanti. «Oggettivamente, non potevo mica continuare a spaccarmi le mani là dentro, sopportando ogni genere di sopraffazioni, per percepire uno stipendio da fame… Cioè…» deglutì per prendere tempo, cercare parole migliori, «mi si sono presentate delle occasioni… delle signore occasioni!

Se la sentiva tutta sulle spalle, la responsabilità. Avrebbe chiesto la separazione senza aspettare troppo. Senza negare, almeno questa notte, il sentimento che nonostante tutto provava per quell'uomo. Si lasciò affondare nel cuscino. Avrebbe chiesto la separazione. Così non poteva più andare avanti. Chiuse le palpebre. Fuori gli schiamazzi ferivano il silenzio della notte. Un clacson, un'auto che passa a velocità folle. Sarebbe bello poter azzerare tutto. Avere ancora nove o dieci vite davanti.

Alle dieci, finito il turno, si era fatto una doccia veloce, scartavetrandosi via il nero del coke dalla pelle, aveva timbrato il cartellino ed era schizzato in macchina. Era stanco, dopo otto ore filate al carroponte a scaricare carri siluro colmi di acciaio nelle siviere dirette alle colate continue. Ma non esiste che vado a letto, è sabato sera, è estate. E le discoteche sono strapiene di fica. Era passato a prendere il suo amico, poi si era fermato in una pizzeria da asporto per consumare in piedi, al bancone, due tranci di pizza e una birra.

Download PDF sample

Rated 4.44 of 5 – based on 18 votes